“Lavoro informatico e smart working”

Roma, 11 gennaio 2021

Lavoro informatico e smart working

Alle Lavoratrici e ai Lavoratori del territorio

La FIOM CGIL di Roma e del Lazio e la CGIL di Roma e del Lazio, con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio, hanno ragionato sull’idea di svolgere una indagine nell’ambito del remote workin,g specificamente del settore informatico.
L’inchiesta “Lavoro informatico e smart working”, ha l’obiettivo di analizzare e condizioni di lavoro durante l’epidemia di Covid-19.
Vista la fase emergenziale che ha determinato un’estensione delle forme di lavoro da casa, riteniamo importante approfondire l’analisi delle modalità con cui lo smart-working è stato introdotto, l’organizzazione del lavoro e le condizioni in cui è svolto, per comprendere come intervenire, partendo dall’opinione delle lavoratrici e dei lavoratori.
Invitiamo quindi a dare un contributo a questa inchiesta rispondendo alle domande contenute nel questionario che si trova a questo link.

https://it.surveymonkey.com/r/lavinf-lazio

Il questionario è anonimo e i risultati saranno analizzati e diffusi in forma aggregata per favorire una discussione collettiva su questi temi.

Vi ringraziamo per la partecipazione e vi inviamo i più cari saluti.

p. la FIOM CGIL Roma e Lazio    Fabrizio Potetti  Segretario Generale
p.la Fondazione Di Vittorio          Daniele Di Nunzio  Responsabile Area Ricerca
p.la CGIL Roma e Lazio              Roberto Iovino  Segretario

 

FiomRomaLazio Lavoro informatico e smart working 11Gennaio2021