Leonardo Pomezia non deve chiudere!

COMUNICATO STAMPA

Leonardo. Potetti (Fiom Roma-Lazio): grande partecipazione allo sciopero e alla manifestazione in difesa dello stabilimento di Pomezia.

“Lo sciopero e la manifestazione che si sono svolti oggi in difesa dello stabilimento Leonardo di Pomezia hanno visto una grande partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori. Ai due presidi sotto al Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministero dell’Economia e delle Finanze erano presenti anche lavoratori e rappresentanti degli altri siti a rischio chiusura.

Una delegazione sindacale è stata ricevuta in mattinata al Ministero dello Sviluppo Economico dal coordinatore della struttura per le crisi d’impresa, Luca Annibaletti, e nel pomeriggio dal sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, Alessandra Sartori. Entrambi gli enti si attiveranno per l’apertura di un confronto in sede istituzionale sul piano industriale, che prevede la chiusura di alcuni stabilimenti, così come richiesto dai rappresentanti dei lavoratori.

Un’azienda a controllo pubblico, fortemente supportata dallo Stato e quindi dai cittadini non può e non deve abbandonare il territorio e non può utilizzare fondi importantissimi come quelli derivanti dal PNRR per chiudere stabilimenti industriali di altissimo pregio. Stiamo parlando di un’azienda che acquisisce commesse in tutto il mondo ed in particolare nel settore difesa attraverso investimenti pubblici. Per questo motivo non è giustificabile l’operazione di chiusura del sito di Pomezia”.

Lo dichiara in una nota Fabrizio Potetti, segretario generale Fiom-Cgil Roma e Lazio

Roma, 9 maggio 2022

–> Comunicato stampa Leonardo sito Pomezia 090522 (pdf)

Post navigation